<![CDATA[EGIDIOFLAMINI - Pensieri]]>Fri, 11 Dec 2015 03:16:11 +0100EditMySite<![CDATA[COSPIRAZIONE DELL'UNIVERSO]]>Mon, 06 Apr 2015 21:08:30 GMThttp://ita.egidioflamini.it/pensieri/cospirazione-delluniverso
In buona sostanza, in poche parole, è tutto l'universo che si muove per un singolo istante.
Ogni più piccola parte concorre, proprio come un minuscolo ingranaggio, affinchè si determini quell'istante. Un atto d'amore di ogni cosa che c'è, di qualunque cosa riesci a immaginare; ovvero tanti piccoli movimenti d'amore che si concentrano in un punto solo, dando origine ad una esistenza, ad un "io". 
Poi capita che quell'essere nella sua esistenza dia vita a te, che ti cresca e ti accudisca e ti riempa d'amore. La tua è una immensa gratitudine, verso quell'essere, verso l'universo tutto intero, verso ogni più piccola cosa che esiste.
E poi capita che quell'essere lo devi salutare, ma non è che l'amore sparisca e tanto meno che diminuisca. L'amore si comporta esattamente come enunciato nel principio di conservazione della massa di Lavoisier: "nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma".
Nel momento del saluto quell'amore è come un piccolo fuoco d'artificio e compie il percorso inverso di quando si era concentrato: da un punto solo si trasferisce a tanti altri punti.
Non è sparito, non è andato da nessuna parte, prima lo vedevi in un punto solo, ora se fai bene attenzione puoi vederlo dappertutto.
Se vuoi piangere, piangi pure, ma di gioia, perchè il bello è che uno di quei punti sei proprio tu: ogni tuo gesto, parola, respiro, battito di ciglia, è quell'amore.
Ogni tuo piccolo movimento trasferisce la vibrazione dell'amore, quello che hai conosciuto e che ti è stato dato così come quello universale.
]]>
<![CDATA[CHI LA FA...L'ASPETTI!]]>Wed, 01 Apr 2015 19:41:23 GMThttp://ita.egidioflamini.it/pensieri/chi-la-falaspetti
Chi la fa...l'aspetti!
Oggi pomeriggio alcuni miei giovani e burloni vicini si sono divertiti un poco alle mie spalle facendo "drinnare" il mio campanello. Già un'altra volta era successo, mentre studiavo pianoforte, e in quella occasione andando ad aprire la porta ci avevo trovato attaccato il messaggio minatorio dell'immagine qui sotto...gulp...
Ma attenzione a fare scherzi ad un pianista tecnologico!!! :)
Oggi è stato un gioco da ragazzi piazzare una telecamerina e documentare...
Si, perchè il colpevole torna sempre sul luogo del delitto!!!
Chi la fa...l'aspetti!
]]>
<![CDATA[UNA LEZIONE CHE EMOZIONA]]>Wed, 04 Mar 2015 22:02:32 GMThttp://ita.egidioflamini.it/pensieri/una-lezione-che-emoziona
Oggi durante una lezione mi è capitato che il mio sorriso si aprisse leggermente, per poi farlo sempre di più fino a coinvolgere tutto il viso. Uno di quei sorrisi che a forza di insistere ti fanno capire che ti stai per commuovere.
Da anni seguo una allieva molto speciale, una signora, che chiamerò M., che purtroppo non ha avuto nella sua vita tutte le "abilità" che sono riservate alla gran parte delle persone. Ha studiato musica da giovane, ma poi la sua malattia le ha impedito di continuare e sono passati tanti anni così, senza musica nella sua vita. Da qualche anno però ha ripreso a studiare con me, anche se ho dovuto adattarmi subito alle condizioni particolari. In pratica la sua vista non è un granchè e le devo scrivere degli spartiti molto speciali con delle note grandi come una moneta da due centesimi su pentagrammi che hanno due battute per riga. E una sola nota per la destra e una sola per la sinistra, perchè altrimenti la sua non perfetta mobilità non le permetterebbe di fare granchè. Ma con i miei spartiti su misura, in questi anni si è riuscito a suonare un sacco di cose. Tutte messe a memoria ovviamente, perchè, per via della vista come dicevo sopra, di leggere e suonare non se ne parla.
A Dicembre è stato il compleanno di M. e io come regalo le ho portato due libri con gli spartiti dei mie primi due album, Acquario e Semidigirasole, che avevo appena pubblicato.
Si trattava di un regalo del cuore, più che pratico, ci tenevo che lei ne avesse una copia.
Gli spartiti sui miei libri sono scritti troppo piccoli per la sua vista e infatti appena li ha visti, questa è stata la prima cosa che lei mi ha detto! "Scrivimeli più grandi Egidio perchè così non riesco a vederli!"
E ovviamente ho eseguito, realizzando una versione speciale di "Sposa radiosa", quarto brano di Semidigirasole, che lei aveva adocchiato.
Sono stato molto impegnato in queste settimane e non ho potuto tornare da lei se non oggi, ma con mia sorpresa lo spartito portato da me è passato inosservato. Lei si è seduta convinta al pianoforte con sulle ginocchia il libro di Semidigirasole. "Sposa radiosa" mi ha detto, come fa sempre quando mi annuncia quella che sta per suonare.
E poi è partita. Pensavo che sarebbe durata una pagina, che non potendo fare altrimenti avesse cercato di leggere il leggibile.
Invece no, ha cominciato a mettere in sequenza tutti i vari passaggi (Sposa radiosa può essere insidiosa anche per la memoria), e andando avanti pure quello in cui le mani si aprono ad ottava.
Sette pagine, tutte a memoria! Di uno spartito che quasi non riesce a vedere (per spiegarci M. fa difficoltà a vedere le proprie dita sui tasti quando suona). E pure il passaggio con le ottave!
Certo che c'entra, l'esecuzione era particolare, saranno state più le note mancate che quelle che hanno suonato davvero, magari la sinistra stava ferma per due righe senza che lei se ne accorgesse, ma questo si capisce quanto possa contare poco?!?
Io mi sono commosso.
M. mi ha detto che ci ha messo un mese per leggerselo tutto.
Davvero si può fare tutto.
Altro che "nominare il nome di Dio invano"! Qui la vera bestemmia è la frase "non ci riesco".
Magari per riuscirci alla fine non ci riesci davvero. Ma per essere degno, un essere vivente degno, devi essere un essere che prova, tenta, sbaglia e fallisce. E realizzato un fallimento, ripartire con un altro!
]]>
<![CDATA[A NATALE REGALA SOLIDARIETA']]>Tue, 23 Dec 2014 11:52:12 GMThttp://ita.egidioflamini.it/pensieri/a-natale-regala-solidarieta
Tra i tanti regali che stai preparando in questi giorni non dimenticare quello che forse è il più importante, la solidarietà, ovvero, in un senso più grande, il bene nostro condiviso con gli altri.
A Gennaio del 2013 sono diventato testimonial Unicef per l'Umbria ed in questi due anni di mandato ho fatto quello che ho potuto cercando di far fare ad altri anche quello che non arrivavo a fare io. Lo scorso Ottobre sono diventato sostenitore di Save the Children. Si possono non avere 9 euro al mese (o anche 15 o 21 o quello che si vuole) da destinare a chi ne ha bisogno?
"Eh..ma poi chissà che fine fanno questi soldi, se arrivano davvero, chi se li prende..."
 Non lo voglio sentire questo discorso, la solidarietà è un obbligo, soprattutto per chi vive nella parte fortunata del pianeta, quella dove ci sono negozi e lavoro e dove i supermercati sono pieni di prodotti da poter acquistare. Ci sono luoghi nel mondo in cui manca anche la più ovvia ovvietà di quello che a noi pare scontato. In quei luoghi ci sono persone a cui la nostra opulenza credo appaia assurda.
E poi non è solo economico il regalo di solidarietà che puoi fare a Natale. Sai di una persona che passerà il Natale da sola? Invitala a pranzo, coinvolgila!
Sai qual'è l'aspetto più bello di un regalo di solidarietà? E' che tu lo fai ad un'altra persona ed immediatamente ti ritrovi che è un regalo per te.
Save The Children la si può sostenere anche all'ultimo minuto della vigilia e anche il giorno di Natale. Il link da cliccare è questo.
Buoni regali!
]]>
<![CDATA[MI HANNO REGALATO UN QUADRO]]>Mon, 22 Dec 2014 22:26:44 GMThttp://ita.egidioflamini.it/pensieri/mi-hanno-regalato-un-quadro
Mi hanno regalato un quadro, un quadro in cui la mia musica, Semidigirasole nello specifico, c'entra parecchio. E' un quadro fatto di Girasoli e dopo il concerto del 14 Dicembre si è arricchito anche di due lievi Nuvole rosa. L'autrice, la mamma di un mio allievo, l'avevo conosciuta l'anno scorsa e subito mi aveva raccontato "anche io una volta avevo una vena artistica, dipingevo e avrei voluto fare quello nella vita, ma poi sai...la vita prende altre strade...". 
Sempre lei nel consegnarmi il quadro "la tua musica mi ha rilassato e fatto entrare in quella particolare condizione di assenza da tutto il resto, ideale perla creatività".
Sono molto felice di questa vicenda, il  quadro è bellissimo e tu cara V. mi hai fatto un regalo molto più grande, perché sapere che quella cosa intima che non si riesce a raccontare e a descrivere di me, dalla quale viene la mia musica, attraverso lei stessa, è arrivata a quella cosa intima che non si riesce a raccontare e a descrivere di te, e l'ha risvegliata tornando poi indietro con un meraviglioso quadro.
Beh, per me, una cosa così non ha prezzo. La mia concezione di Dio e del divino ha a che fare con questo genere di contatti.
]]>
<![CDATA[SUCCESSI ED ERRORI]]>Mon, 22 Dec 2014 21:53:34 GMThttp://ita.egidioflamini.it/pensieri/successi-ed-erroriSia i nostri successi che i nostri errori parlano inequivocabilmente di noi, di chi siamo, di cosa siamo. Però, diversamente dai successi, gli errori sono più intimi, hanno il sapore, tutti, di qualcosa che si avvicina alla nostra stessa essenza.
Io i miei li adoro!]]>
<![CDATA[UNA GIORNATA MERAVIGLIOSA]]>Sat, 06 Dec 2014 21:09:51 GMThttp://ita.egidioflamini.it/pensieri/una-giornata-meravigliosa
Ieri è stato il primo anniversario dalla perdita del mio adorato papà, eppure è stata una giornata meravigliosa. Credo che sia una prerogativa o qualità o dote o merito o fortuna che capita alle persone che credono nella poesia.
Se credi nella poesia poi la vedi in tutte le cose, la vedi sempre.
La semini in continuazione e poi la raccogli proprio nel giorno giusto.
]]>
<![CDATA[HO VISTO UN INIZIO]]>Thu, 04 Dec 2014 21:38:48 GMThttp://ita.egidioflamini.it/pensieri/ho-visto-un-inizio
"In quest'Autunno, ogni volta che ho visto cadere una foglia, ho visto un inizio."
È stato un Autunno particolare, il primo dopo aver iscritto il mio di Autunno (primo brano del mio ultimo album La Quinta Stagione). Scrivere un brano equivale a fare un viaggio dentro se stessi. Quando parti, quando entri, lo fai con un argomento e con una idea che ti sembra anche abbastanza chiara. Ma non sarà mai chiara e limpida come quando esci, ovvero come quando finisci di scrivere la tua musica.
Ecco perchè quest'anno, in Autunno, ogni volta che ho visto cadere una foglia, ho visto un inizio.
]]>
<![CDATA[GIRASOLE]]>Tue, 21 Oct 2014 09:49:42 GMThttp://ita.egidioflamini.it/pensieri/girasole
La vita è un girasole ed ognuno di noi un semino, disposto rispetto agli altri in proporzione aurea.
]]>
<![CDATA[PAREIDOLIA]]>Sun, 05 Oct 2014 19:19:26 GMThttp://ita.egidioflamini.it/pensieri/pareidolia
Che bella parola... Come dice wikipedia, lpareidolia è l'illusione subcosciente che tende a ricondurre a forme note oggetti o profili (naturali o artificiali) dalla forma casuale.
Praticamente una caratteristica intrinseca della musica (ecco perché mi piace tanto!) che grazie al suo linguaggio così asemantico fa si dallo stesso brano si possa avere sensazioni diametralmente opposte o che con la più piccola sfumatura si possa toccare quella e quell'altra corda nella stessa persona.
Già avevo la serendipità nel raccoglitore delle parole che amo, ma adesso ci metto anche la pareidolia.
E credo anche di sapere perché sia così: entrambe inneggiano alla libertà totale della parte più intima di ognuno di noi.
]]>